Copy
Non visualizzi correttamente la newsletter? Clicca qui
E' riniziata una nuova stagione sportiva per molte discipline del C.U.S. Siena A.S.D.
CALCIO MASCHILE
Sorpresa d'"Eccellenza" per il Cus calcio

Inizio stagione anticipato per i ragazzi di mister Martire, ripescati in Eccellenza per questa nuova stagione 2016-2017. La prima giornata è stata disputata lunedì 19 settembre fuori casa contro lo Shqiperia, vincendo per 2-1: nel primo tempo gli universitari si sono portati sul 2-0 grazie alle reti di capitan Mele e di Vacca, per poi, ad inizio secondo tempo, rimanere in dieci per l'espulsione per somma di ammonizioni di Puglia; è in questo contesto che è arrivata la rete degli avversari, a pochi minuti dalla fine.
È stata poi vinta anche la seconda partita: 1-0 contro il Marcialla City con rete di Mele nel primo tempo; i cussini hanno avuto anche altre palle gol non concretizzate meritando a pieno i tre punti.
A due giornate due giornate dall'inizio del campionato, i ragazzi di Martire sono in testa al campionato di Eccellenza a punteggio pieno.

JUDO
Primi appuntamenti in calendario e prime soddisfazioni per i Judoka cussini
Come di consueto, alla ripresa delle attività scolastiche è conseguito l’inizio della stagione agonistica per i judoka del CUS Siena, i quali, dopo aver ultimato la preparazione estiva, hanno avuto modo di cimentarsi nei primi appuntamenti previsti dal calendario.
Ad inaugurare l’annata sono stati i Master, impegnati a Follonica nella quarta tappa del Campionato Italiano, tornati a casa con l’argento
di Stefano Buti, il bronzo di Valerio Romeo e il quinto posto di Jacopo Bruttini. 
Nell’Open di Winfelden (Svizzera), invece, il senior Andrea Ferretti si è imposto nella propria categoria, mentre i compagni Ianis Lotca e Simone Muzzi si sono fermati ai piedi del podio. Lo scorso weekend, infine, lo stesso Simone si è riscattato centrando l’argento al trofeo “Nelson Mandela Forum”, stesso piazzamento per il più esperto Gregorio Orlandi, mentre i giovanissimi
hanno collezionato un oro con Lorenzo Olla, due argenti con Giulia Nocciolini e Claudia Cepparulo e due bronzi a firma di Giulio Muzzi e Niccolò Olla.
A coronare questo strepitoso avvio stagionale, inoltre, Yuri Ferretti e Riccardo Pinto hanno potuto festeggiare il conseguimento del patentino di “aspiranti allenatori”.
PALLAVOLO MASCHILE
Anno 0: si riparte dai tanti giovani
Dopo anni di militanza nella serie C regionale, impreziositi dal biennio nella serie B2 nazionale, la pallavolo maschile ha deciso quest'estate di rinunciare alla prima squadra, al termine di un campionato particolarmente sofferto e della risoluzione del contratto di sponsorizzazione con l'azienda senese Terrecablate che tanto preziosa si è rivelata negli ultimi anni.
Si riparte quindi dall'attività del settore giovanile con l'intento di concentrare tutte le energie nel rilancio della pallavolo senese a partire dalle più giovani leve. Sarà l'effetto Olimpiade, sarà l'effetto Emma Villas in serie A a Siena o forse il buon lavoro condotto negli ultimi anni, fatto sta che si sta registrando in questo mese un autentico boom di iscrizioni come non si era mai avuto nel volley maschile senese.
Numeri importanti che fanno ben sperare per il futuro del movimento in provincia e danno per la prima volta la soddisfazione di riuscire finalmente a coprire l'intera filiera dell'attività giovanile, dal minivolley all'Under 18.
Quasi quindici iscritti al minivolley, oltre venti ragazzi nella categoria Under 13-Under 14, e quasi una ventina nelle categorie U16-Under 18, con iscrizioni che continuano ad aumentare e consentono di fare proiezioni ottimistiche circa la composizione delle varie squadre.
Ciascun gruppo è da quest'anno seguito da due allenatori e da un apparato dirigenziale quantitativamente rilevante. Tutti ingredienti che confermano le più ottimistiche proiezioni delle scelte operate in estate e mirate a costruire un futuro roseo per la pallavolo maschile, proprio a partire dalle nuove generazioni e da un interesse finora sostanzialmente sconosciuto da parte dei maschietti senesi verso questo sport troppo a lungo snobbato sotto la torre del Mangia.
SCHERMA
Sotto un'unica bandiera la scherma senese, Uisp confluisce in Cus Siena
Con la stagione appena iniziata, la scherma senese si riunisce dopo una intervallo di tredici anni sotto la bandiera del Cus. «Il ritrovarsi adesso sotto un unico tetto - commenta Filippo Carlucci, il vicepresidente del Cus, responsabile della sezione Scherma - ci dà oggi ancora di più, la percezione del patrimonio di esperienze e capacità che la scherma a Siena è sempre riuscita ad esprimere, tutto ciò per confermare e rilanciare il nostro ruolo di grande realtà della scherma italiana».

Con questa riunione tra le due società, Cus e Uisp, quello che è nato è un gruppo che conta oltre 100 atleti di tutte le categorie, e di tutte e tre le armi (fioretto, spada e sciabola), comprese le attività paralimpiche, con tecnici  federali di esperienza internazionale. La sala d'armi sarà unica, la palestra del Cus in via Luciano Banchi, all’Acquacalda.

La sezione scherma del Cus Siena A.S.D. ha rinnovato il proprio abbinamento con Estra anche nella stagione 2016/2017 continuando a far parte del ristretto numero di Società scelte per far parte del prestigioso Estra Sport Club. 

Cus e Uisp, due realtà di grande successo. Al Cus nel solco della grande tradizione si lavora con impegno e grande capacità tecnica ed organizzativa, portando numerosi atleti a trionfare a livello internazionale ed arrivando a sfiorare, con la stagione appena conclusa, il prestigioso traguardo dei 100 titoli italiani, novantasette per l’esattezza. Fare un elenco dei successi della scherma al CUS diverrebbe troppo lungo, ma basti pensare alla prima maglia azzurra di Franco Dei per passare a Marghetita Zalaffi, a David Burroni, per giungere oggi ad Alice Volpi, al Cus fino alla scorsa stagione, ed al recente titolo Italiano di Lorenzo Bruttini, reso ancora più bello dall’argento a squadre del Cus nella prova a squadre.

Nel 2003 viene fondato dal mastro Ruggero D’Argenio insieme ad un nutrito gruppo di atleti suoi allievi, divenuti a loro volta tecnici, il Circolo Scherma U.I.S.P Siena, nato grazie anche al prezioso, determinante interessamento della Sezione Provinciale dell'Unione Italiana Sport Per tutti, che svolge la sua attività a livello nazionale ed internazionale, con brillanti risultati anche nella scherma paralimpica.

Storia della scherma senese. La scherma senese ha radici profonde, bisogna andare indietro fino al 1610, quando Ridolfo Capoferro da Cagli, come egli stesso si dichiara "maestro della eccelsa nazione alemanna nella inclita città di Siena", pubblica il suo trattato di scherma intitolato “Gran Simulacro dell'Arte e dell'Uso della Scherma”, considerato il primo trattatista di scherma di striscia, ovvero la spada all’italiana.

La scherma diventava poi, agli inizi del secolo scorso, pratica sportiva con una sezione della Polisportiva "Mens Sana" (che vedeva nelle sue file l'indimenticato presidente della società stessa Egidio Corsini). Successivamente dal 1924 con la fondazione dell'Accademia d'Armi da parte del Maestro Enrico Barbera, la scherma a Siena, ha potuto vantare una lunga e proficua tradizione con brillanti risultati, sia in campo nazionale che internazionale.

Ma è dal 1967/68, con l'abbinamento dell'Accademia d'Armi con il Centro Universitario Sportivo Senese e, quindi, con la nascita della Sezione Scherma del CUS, sotto la guida tecnica del Maestro Ruggero D'Argenio, e la dirigenza di Sergio Dei, che si ha una svolta importante per qualità e quantità, nel segno della continuità di una tradizione e di una scuola mai venuta meno, con un eccezionale sviluppo che porta a raggiungere risultati di rilievo in campo nazionale ed internazionale.







This email was sent to <<Email Address>>
why did I get this?    unsubscribe from this list    update subscription preferences
C.U.S. Siena - Associazione Sportiva Dilettantistica · Via Luciano Banchi 1 · Siena, SI 53100 · Italy

Email Marketing Powered by Mailchimp