Newsletter settimanale n. 08 - 20 febbraio 2015
Guarda questa email nel browser
GOI Newsletter

Gran Loggia 2015
Il coraggio delle idee, la costanza delle azioni

Il coraggio delle idee, la costanza delle azioni è il tema scelto come filo rosso della Gran Loggia 2015, un tema più volte richiamato dal Gran Maestro Stefano Bisi e che è stato oggetto della sua 'balaustra' di dicembre per il Solstizio d'Inverno. L'appuntamento è dal 10 al 12 aprile al Palacongressi di Rimini dove le logge del Grande Oriente d'Italia sono chiamate a partecipare alla loro massima assise come organo legislativo dell'Istituzione massonica nel corso della quale si procederà al rinnovo delle cariche dei consiglieri dell'Ordine, dei giudici della Corte Centrale e dei grandi architetti revisori per il quinquennio 2015-2020. Dalle 9,30 di venerdì 10 fino a tarda mattinata di domenica 12 sarà un succedersi di attività rituali e non: momento clou, nel pomeriggio del primo giorno, sarà l'allocuzione pubblica del Gran Maestro che parlerà nel tempio allestito al Palacongressi e che, per l'occasione, avrà ingresso libero anche ai non massoni.

Gran Loggia 2015
Tra gli eventi anche due talk dedicati all'uomo e ai cambiamenti e alle storie di italiani di valore

Fitta l'agenda di appuntamenti, di eventi culturali e tavole rotonde della prossima Gran Loggia che si terrà dal 10 al 12 aprile al Palacongressi di Rimini. Due i talk show in programma. Il primo, "Cambiamenti", in agenda per le 10,30 della mattina della prima giornata di lavori avrà come tema l'uomo al centro dei 'cambiamenti' nella ricerca di una nuova identità e la prospettiva di nuovi scenari alla luce dei nostri tempi. Nel pomeriggio di sabato 11 aprile alle 17,30 il secondo, "Italia, per chi non si arrende", dedicato sempre all'uomo, quello tenace e coraggioso che si afferma oltre ogni avversità. Saranno portati alla ribalta italiani di valore, da raccontare e da seguire. Tra gli incontri che il Servizio Biblioteca del Goi ha in programma due saranno introdotti dal Gran Maestro nel pomeriggio del 10 aprile: Allende Massone di Juan Gonzalo Rocha (Mimesis) e il 27° Rapporto Italia 2015 dell'Eurispes, Istituto di Studi Politici, Economici e Sociali fondato e presieduto da Gian Maria Fara che sarà ospite della Gran Loggia per illustrare la ricerca.

Gran Loggia 2015
Una mostra e gli annulli della Associazione italiana di filatelia massonica

A Rimini, durante i lavori della Gran Loggia, l'Associazione italiana di filatelia massonica esporrà una selezione di esemplari della Collezione Boeri e un centinaio di quadri ispirati a "Coraggio e libertà: gli uomini e la storia". E presenterà materiale filatelico delle Poste e del Grande Oriente emesso per l'occasione: Annullo filatelico speciale primo giorno; Busta filatelica Gran Loggia 2015; Busta filatelica 15° Gran Loggia a Rimini 2000-2015; Cartolina DeMolay 2015; Emissione speciale in favore di Fism. Nelle aree pubbliche del Palacongressi si terrà la consueta Expo dedicata alla solidarietà.

Vibo Valentia
Oltre 700 Fratelli sotto la volta del cielo stellato

Sotto la volta stellata di Vibo Valentia il 14 febbraio scorso si è tenuta una tornata di grandi emozioni, per una delle cerimonie più suggestive e ricche di significato della Tradizione massonica come l'insediamento del nuovo Maestro Venerabile per l'anno in corso, dei Dignitari e degli Ufficiali di Loggia. Per i 700 e più Fratelli che hanno ornato le sacre colonne del Tempio di Vibo, la serata di lavori organizzata dalla loggia "Michele Morelli" rimarrà scolpita nel cuore di tutti coloro che hanno vissuto l'evento. Grande la partecipazione, a cominciare dai maestri venerabili e dai Fratelli delle altre quattro officine di Vibo, "Carducci", "Monteleone", "Murat" e "Musolino". Tutto ciò ha testimoniato la grande coesione e la stretta catena di fratellanza che da sempre ha fatto della Calabria una delle regioni più ricche ed attive per numeri di iscritti e per partecipazione massonica. All'Oriente del Tempio, dove il maestro venerabile uscente Ali Barati ha insediato il nuovo maestro venerabile della "Morelli", Enzo Maiolo, erano seduti il Gran Maestro del Grande Oriente d'Italia Bisi che è stato ricevuto con tutti gli onori e sotto la volta d'acciaio, il Primo Gran Sorvegliante Antonio Seminario, il Grande Oratore Claudio Bonvecchio, i Gran Maestri Onorari Ugo Bellantoni, che ha fatto gli onori di casa, Tonino Perfetti e Pino Lombardo, i Grandi Ufficiali e i Garanti d'amicizia, i Consiglieri dell'Ordine. Numerosi anche i Fratelli venuti dalla Sicilia. "Lascerò la Calabria con sempre negli occhi questa grande e sentita partecipazione di tantissimi Fratelli. Ai quali voglio ricordare questa bella frase che mi è stata scritta da un vostro corregionale e che dice: Bisogna andare avanti con i sandali nella polvere e la testa nel cielo. Noi massoni dobbiamo farla nostra e cercare di attuarla sempre nei pensieri e nelle azioni. Dobbiamo capire tutti che c'è un tempo per parlare ed un tempo per tacere. Il rispetto dei ruoli e delle regole deve essere chiaro. Chi fa delle litigiosità un modo di vita si pone al di fuori dell'Istituzione", sono state le parole del Gran Maestro a conclusione del suo intervento.

L'articolo su www.grandeoriente.it

Servizio Biblioteca
In Gran Loggia Hugo Pratt massone

Joël Gregogna è avvocato e autore di diversi volumi che aiutano a decriptare il linguaggio esoterico nei fumetti ed è il maggiore specialista di Hugo Pratt e del ruolo giocato dall'esperienza iniziatica nella sua vita di uomo e di autore di fumetti, tra i più noti a livello internazionale. Il suo Corto Maltese è infatti conosciuto in tutto il mondo e tra i più apprezzati in Francia, tanto che nel 2011 la Pinacoteca di Parigi gli ha dedicato una mostra intitolata: Le voyage imaginaire d'Hugo Pratt e, l'anno successivo, il Grande Oriente di Francia ha organizzato nel suo museo della massoneria di rue Cadet la mostra: Corto Maltese et les secrets de l'initiation, Imaginaires et Franc-Maçonnerie à Venise autour d'Hugo Pratt. In occasione della prossima Gran Loggia di Rimini, sarà lo studioso Gregogna ad intervenire, venerdì 10 aprile, alla manifestazione, curata dal Servizio Biblioteca, "Incontro con l'autore", illustrando i tratti salienti del suo volume Corto l'initié, pubblicato dalle parigine Editions Dervy. Che le storie di Hugo Pratt siano piene di elementi magici ed esoterici è cosa nota: basta sfogliare uno qualsiasi degli album disegnati dal grande maestro veneziano per trovarsi precipitati in un universo arcano e misterioso dove nulla è come appare e tutto rimanda ad un labirinto di simboli in cui si rischia ad ogni passo di perdersi. Corto l'initié di Joël Gregogna, permette ora di superare questa difficoltà e di muoversi con sicurezza fra gli arcani dell'alchimia, della Kabbalah e delle società segrete seguendo le avventure di terra e di mare del celebre marinaio creato da Hugo Pratt che fu iniziato nella loggia Hermes all'Oriente di Venezia e all'Obbedienza della Gran Loggia d'Italia di Palazzo Vitelleschi, il 19 novembre 1976.

17 febbraio
Valdesi, la festa della libertà. Gli auguri del Gran Maestro

Il 17 febbraio è il giorno in cui venne messo al rogo Giordano Bruno che l'Inquisizione aveva condannato come eretico, ma è anche il giorno in cui nel 1848 con l'Editto delle Lettere Patenti il re Carlo Alberto concedeva i diritti ai valdesi e successivamente agli ebrei, premessa fondamentale per la libertà religiosa in Italia. Il Grande Oriente d'Italia, nel solco delle sue tradizioni storiche, in occasione di questa ricorrenza, ha espresso la sua vicinanza alla comunità valdese che continua a festeggiare la fine di secoli di persecuzione organizzando nella serata del 16 febbraio i tradizionali falò rappresentano una gioiosa festa di libertà e di conquista della coscienza. La ricorrenza non è perciò limitata a un ristretto ambito di persone ma è una festa da estendere in tutto il paese nel ricordo e nell'affermazione continua di principi basilari nella vita dei singoli e delle società. Una festa già annoverata nel calendario massonico per la sua duplice valenza, come ha ricordato il Gran Maestro Stefano Bisi nella lettera inviata alla comunità valdese in occasione del 17 febbraio. "Mi piace pensare –si legge- che i falò che nelle valli valdesi vengono accesi in ricordo della libertà conquistata, tornino ad ardere, ma per far festa a Roma per ribadire la vittoria della libertà di pensiero contro ogni dogmatismo. In questi tempi di fondamentalismi e divisioni credo che a noi spetti riflettere più che dichiarare, dialogare più che emettere giudizi".

La dichiarazione del Gran Maestro

Area comunicazione del Grande Oriente
In uscita il numero di febbraio di "Erasmo notizie"

E' in uscita il numero di febbraio della rivista "Erasmo notizie" che è già disponibile al download del nostro sito www.grandeoriente.it. "Massoneria è bello" è il titolo in copertina, che sottolinea il crescente appeal del Grande Oriente d'Italia tra i giovani, come emerge dall'ultimo rapporto dell'Eurispes, al quale è dedicato anche uno dei servizi in primo piano. A pagina 8 anticipazioni sulla Gran Loggia 2015 dedicata al tema "Il coraggio delle idee, la costanza delle azioni". Alla Resistenza e al contributo della Massoneria è dedicato l'editoriale "Dal Vascello" a firma del Gran Maestro Aggiunto Santi Fedele, al quale segue un servizio sullo stesso argomento a firma di Marco Novarino. Prosegue il viaggio ai templi d'Italia con un servizio dedicato alla Calabria (prima puntata). Angelo Di Rosa firma il pezzo dedicato alla installazione dei nuovi dignitari nella loggia "Morelli" di Vibo Valentia, una cerimonia alla quale ha preso parte anche il Gran Maestro Stefano Bisi e che ha coinvolto oltre 700 Fratelli provenienti da tutta la Calabria e dalla Sicilia. In primo piano il rinnovo dei Consiglieri dell'Ordine, dei Giudici della Corte Centrale e dei Grandi Architetti Revisori. Nella sezione "Dalla parte giusta" "Storia di un libero muratore e della sua trasmutazione alchemica", intervista a Domenico Musacchio, fondatore di Ipaea, la onlus che si propone di aiutare i bambini affetti da gravi patologie dell'udito. Poi le notizie dall'Oriente e dal Mondo. In cultura spazio alla musica con un'intervista a Louis Siciliano, giovane fratello, che grande successo sta riscuotendo con le sue sperimentazioni artistiche. Gianmichele Galassi firma un articolo dedicato a Firenze capitale e a Dante, un importante doppio anniversario storico-culturale. E molte altre cose...

Firenze
Grande partecipazione all'incontro dedicato a Lando Conti

Grande la partecipazione all'incontro che si è tenuto nella Casa Massonica di Firenze, il 10 febbraio per ricordare Lando Conti, sindaco e massone, in occasione della ricorrenza della sua uccisione avvenuta nel 1986 per mano delle Brigate Rosse mentre si stava recando in Consiglio comunale, dove rappresentava il partito repubblicano. Conti fu raggiunto da 17 colpi di pistola. Aveva 52 anni e lasciava la moglie e 4 figli. Nel giorno del 29° anniversario della sua morte la Massoneria fiorentina lo ha commemorato con un evento che si è tenuto nella sede di via Borgo degli Albizi 18. Tantissimi i Fratelli intervenuti in rappresentanza delle logge cittadine (la "Citius", la "Altius", la "XX Settembre", l'"Acacia", la "Giuseppe Dolfi", la "Labirinto") e delle logge a lui intitolate: la n.884 di Firenze, la n.1056 di Cagliari e la n.1058 di Sanremo. Tutti e nove i Maestri Venerabili hanno preso la parola e ci sono stati momenti di grande emozione. Ha concluso il Gran Maestro Onorario Mauro Lastraioli con un intervento toccante nel quale ha rievocato gli anni di piombo, costellati di stragi e uccisioni che non hanno avuto un colpevole, come l'omicidio di Conti, appunto, archiviato senza che si arrivasse a scoprire i responsabili. "E' un dovere –ha detto Lastraioli- ricordare, un dovere ricordare Lando ad ogni anniversario, un dovere tenere viva la memoria, perché senza memoria un paese muore".

Dalla parte giusta
Savona, borse di studio della loggia "Washington" di Cisano sul Neva agli studenti di Alassio

La loggia "Washington" (1203) di Cisano sul Neva (Savona) ha deciso di devolvere il proprio tronco della vedova sotto forma di Borse di studio a beneficio degli studenti dell'Istituto Alberghiero di Alassio destinate all'acquisto di libri e ai corsi di aggiornamento all'estero. Le borse sono state concordate con il presidente e gli insegnanti: ne sarà assegnata una di 3 mila euro per un solo alunno e per un solo stage di 15 giorni all'estero in un hotel indicato dalla scuola; e sei di 500 euro, una per ogni classe, per l'acquisto di abbigliamento o testi di studio in base alla necessità degli studenti. Ai ragazzi verrà fornito materiale di studio sulla Massoneria sul quale lavorare a un elaborato. Il lavoro verrà giudicato dai docenti insieme con due rappresentanti dell'officina.

Bologna
Ugo Lenzi, dalla Grande Guerra alla Gran Maestranza

Nel complesso di San Giovanni in Monte a Bologna il 28 febbraio si terrà il convegno "Dalla Grande Guerra alla Gran Maestranza" dedicato a Ugo Lenzi, che fu Gran Maestro del Grande Oriente d'Italia dal 1949 al 1953 e al quale interverrà il Gran Maestro Stefano Bisi. A introdurre i lavori sarà Giangiacomo Pezzano, presidente del Collegio Circoscrizionale dell'Emilia Romagna. Relatori: Giovanni Greco (Università di Bologna), Nicola Palumbo, Gran Rappresentante del Grande Oriente, Zeffiro Ciuffoletti (Università di Firenze), Angelo Scavone (Università di Bologna), la giornalista Rita Bartolomei e l'avvocato Federico Canova. Lenzi, che era nato il 9 agosto 1895, prese parte al primo conflitto mondiale. Era stato iniziato alla Massoneria il 10 aprile 1909 nella loggia felsinea "Otto Agosto". Abbandonò la politica dopo che il Partito Socialista stabilì l'incompatibilità con la Libera Muratoria. Come massone si oppose al fascismo e venne perseguitato e arrestato più volte. Il 19 marzo del 1949 assunse la guida del Goi. Durante il suo mandato fece approvare la prima costituzione massonica del dopoguerra. Bologna gli ha intitolato una strada.

Trieste
La Grande Guerra e la coscienza europea. Meeting del Goi con i Gran Maestri dei paesi del fronte orientale

Per non dimenticare. Appuntamento con la storia. Il Grande Oriente d'Italia ha organizzato un meeting che si terrà in marzo a Trieste dal titolo "Dalle ferite della Prima Guerra Mondiale alla ricomposizione della coscienza europea", al quale ha invitato i Gran Maestri delle Obbedienze di nove paesi: la Gran Loggia d'Austria, la Gran Loggia di Bosnia ed Erzegovina, la Gran Loggia di Croazia, la Gran Loggia della Repubblica Ceca, le Gran Logge Unite di Germania, la Gran Loggia Simbolica di Ungheria, la Gran Loggia di Montenegro, la Gran Loggia di Slovacchia e la Gran Loggia di Slovenia. La prima tappa è nella mattinata del giorno 7 al Sacrario militare di Redipuglia, dove verrà deposta una corona in memoria dei soldati caduti durante la prima guerra mondiale, 689 mila, di cui centomila italiani. Altre due corone con le insegne delle Massonerie partecipanti verranno portate nel cimitero austro-ungarico e su Monte San Michele dove i Gran Maestre pronunceranno le loro allocuzioni. Seguirà una visita guidata nelle gallerie–bunker che si trovano nell'area che fu teatro durante il primo conflitto mondiale delle battaglie dell'Isonzo. Nel primo pomeriggio è previsto il rientro a Trieste, dove, alle 16,30, al Molo IV (Sala 3) si terrà il convegno aperto al pubblico e in italiano e inglese. I relatori saranno il Gran Maestro Aggiunto Santi Fedele (Università di Messina), il Gran Maestro Onorario Fulvio Salimbeni (Università di Udine), il giornalista e scrittore Paolo Rumiz e Veronica Toso (Università di Trieste). Interverranno poi i Gran Maestri ospiti e i rappresentanti delle delegazioni. Concluderà il meeting il Gran Maestro del Grande Oriente Stefano Bisi.

Il Programma

Roma
Meeting DeMolay Italia il 22 marzo

Meeting del DeMolay Italia il 22 marzo a Palestrina (Roma). L'appuntamento è presso la sede del Gruppo "Alunni Praeneste" a Palazzo Colonna Barberini, in via Barberini 28. L'apertura rituale del Capitolo Roma n.1 è fissata per le 9,30. Alle 10 seguirà l'investitura di nuovi ragazzi, poi l'investitura a Life Member e poi a Mascotte. L'incontro si concluderà alle 13.

Invito

Dal Mondo
Verso il terzo centenario della nascita della Massoneria. In preparazione convegno internazionale

La Quatuor Coronati Lodge No. 2076 la prima logge di ricerca massonica fondata il 12 gennaio 1886 sta organizzando una convegno internazionale per celebrare il terzo centenario della prima riunione della Grand Lodge of London and Westminster, la prima Gran Loggia del mondo, avvenuta nel giugno del 1717 e che segnò della nascita massoneria speculativa. I lavori avverranno nella prestigiosa sede del Queens' College di Cambridge dal 9 al 11 settembre 2016 e il convegno sarà aperto a tutti, fratelli e non, che sono interessati alla storia della Massoneria.

Dal Mondo
La Gran Loggia di Liberia si riunisce domenica dopo l'emergenza ebola

Dopo l'emergenza ebola e la sospensione dei lavori decisa a causa dell'epidemia, la Gran Loggia di Liberia si riunisce domenica per rendere omaggio a chi, in questi mesi, ha assicurato al paese e alla popolazione il proprio contributo sanitario. La cerimonia si terrà nel Tempio grande di Monrovia.

Dal Mondo
In aprile la Gran Loggia di Turchia organizza il IV Simposio Internazionale Massonico

Sarà organizzato dalla Gran Loggia di Turchia dal 23 al 26 aprile in Cappadocia il IV Simposio Internazionale Massonico. Ad aprire ufficialmente i lavori il 24 il coro delle Civiltà di Antiochia, composto da sunniti, ortodossi, ebrei. L'evento si annuncia di grande interesse e non solo per i liberi muratori.

Archeologia e astronomia
Misteri, culti e segreti dell'antica Roma

Esiste un filo conduttore che lega la fondazione di Roma alla nascita di Costantinopoli e più avanti nel tempo il piano di Washington e quello della cosiddetta Terza Roma. Nicola Iannelli, in questo libro dal titolo "Misteri, culti e segreti dell'antica Roma. Dalla fondazione dell'Urbe a Costantinopoli. Il Sator e i simboli della tradizione romana", edito da Angelo Pontecorboli guida il lettore lungo i misteriosi itinerari simbolici della storia romana. Attraverso lo studio delle fonti, l'esame delle evidenze archeologiche e delle configurazioni astronomiche del cielo, il saggio indaga i misteri della città eterna e l'eredità simbolica che ne perpetua la memoria nei secoli. Un viaggio affascinante nei meandri della tradizione romana, dalla conoscenza del nome segreto e della divinità tutelare fino al celebre quadrato magico Sator. Il testo ne spiega la genesi e il significato, attraverso ricostruzioni al computer delle correlazioni astronomiche con le costellazioni "generatrici" e l'analisi dei simboli. Iannelli, nato a Benevento nel 1968, si è laureato in Architettura all'Università di Firenze, dove attualmente vive e lavora. Astrofilo e studioso di storia e astronomia antica. All'attività professionale associa l'interesse per l'architettura nelle sue correlazioni astronomiche, con particolare riferimento all'analisi dei simboli e degli aspetti esoterici. Ha ampliato le proprie ricerche allo studio delle configurazioni astronomiche nei riti fondativi dei templi e delle città e nelle opere d'arte. Collabora con riviste di architettura e di studi simbolico-esoterici, ed è autore di vari saggi, tra i quali si segnalano Sator. Epigrafe del culto delle sacre origini di Roma (Bastogi, Foggia 2009), nel quale si chiarisce la genesi e il significato del celebre "quadrato magico" nella teoria della correlazione astronomica e, con l'archeologo Mario Pagni, Il palazzo e il Tempio. Palazzo Altoviti a Firenze. Storia e simbologie (Betti, Siena 2012).

Lugano, 18 febbraio 2015 (La Regione Ticino)
Contro ogni dogmatismo

Firenze, 18 febbraio 2015 (Bloogger)
Accordi di Libertà, il Concordato trent'anni dopo

Roma, 15 febbraio 2015 (Il Messaggero)
Giordano Bruno, icona di libertà

Torino, 15 febbraio 2015 (Presenza)
A Camerano apre un Centro dentistico dell'Onlus Asili Notturni di Torino

Copyright © 2015 Grande Oriente d'Italia, Tutti i diritti riservati.


rimuovermi da questa lista