Newsletter settimanale n. 04 - 23 gennaio 2015
Guarda questa email nel browser
GOI Newsletter

Shoah
La memoria dell'Olocausto va custodita

ll Giorno della Memoria è una ricorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno per commemorare le vittime della Shoah. La data, che coincide con la liberazione avvenuta nel 1945 del campo di concentramento di Auschwitz, è stata stabilita dalle Nazioni Unite in una risoluzione votata il 24 gennaio 2005 a 60 anni dalla fine dell'Olocausto. Il ricordo di quella immane tragedia va custodito come un bene prezioso. Lo sottolinea e ne spiega il perchè il Grande Oratore Claudio Bonvecchio in un articolo di cui riportiamo uno stralcio, che verrà pubblicato sul numero di gennaio di "Erasmo Notizie" e si può leggere già in versione integrale sul sito del Grande Oriente. "Dimenticare –scrive Bonvecchio- è nella natura di ogni persona. Se così non fosse saremmo, completamente, sovrastati dai ricordi. Saremmo, perennemente, dilaniati dal dolore per gli eventi tristi e dolorosi che hanno segnato la vita di ciascuno di noi. Ma questo spiega il Grande Oratore "non ci esime dalla memoria, senza di cui saremmo esclusivamente dominati dalle emozioni, dagli istinti e incapaci di comportarci in maniera consapevole e equilibrata. La memoria, infatti, è l'antidoto compensativo alla dimenticanza. Se dimenticare ci sprona a vivere, la memoria ci indica la via giusta per una vita razionalmente, emotivamente e spiritualmente corretta: ossia una vita in grado di insegnarci, sulla base delle esperienze passato, ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, ciò che si deve fare e ciò che non si deve fare". "Dobbiamo, dunque, avere –osserva- un sacro rispetto per la memoria che spesso, anche se non sempre, coincide con la storia, di persone e comunità, giustamente definita come maestra della vita. E solo l'Essere Supremo sa di quanti Maestri abbiamo bisogno: soprattutto oggi. Sulla base di questa riflessione non possiamo far prevalere l'oblio sulla memoria di quanto è successo in un passato, non così lontano, in cui milioni di persone di ogni sesso e età hanno pagato, con la loro vita, l'unica colpa di essere ebrei o non conformi ad un omologato modello di vita e di convinzioni: come, ad esempio, gli zingari, gli omosessuali e, non dimentichiamolo mai, anche i Liberi Muratori. È la memoria della Shoah: dell'olocausto del popolo ebraico e di tutti coloro che ad esso sono stati assimilati da una violenza senza pari. E questa memoria va custodita come un bene prezioso da tutta l'Umanità e dai Liberi Muratori".

L'articolo integrale

Shoah
Fino al 31 gennaio a Trieste "Attenzione, stanno arrivando... Mostra di manifesti antimassonici"

"Attenzione, stanno arrivando... La mostra dei manifesti antimassonici, Belgrado 1941-1942". Fino al 31 gennaio sono esposti nella Sala del Museo della Risiera di San Sabba a Trieste 17 manifesti antimassonici originali, di proprietà del designer Mirko Ilic, insieme ad alcune buste affrancate. L'iniziativa si inserisce nell'ambito del programma delle manifestazioni organizzate dal Comune in occasione del Giorno della Memoria 2015. Durante l'occupazione nazifascista della Jugoslavia, sotto il regime collaborazionista di Milan Nedic, fu allestita a Belgrado dal 22 ottobre 1941 al 19 gennaio 1942 una mostra intitolata "Grande mostra antimassonica". Sebbene il titolo citasse solo la massoneria, il tema della mostra era la denuncia del "complotto giudaico - massonico" e l'obiettivo era la diffusione tra la popolazione dell'odio nei confronti degli ebrei. Oltre alla mostra, venne messo in moto un gigantesco apparato propagandistico attraverso la predisposizione e diffusione di: 200.000 brochure, 60.000 poster, 100.000 volantini, 108.000 buste, 4 serie di francobolli, 176 filmati di propaganda. Gli organizzatori della mostra ebbero a dire che si era trattato di un evento unico nel suo genere non soltanto in Serbia e nei Balcani ma anche nel mondo. I poster, in mostra a Trieste, rappresentano un'efficace testimonianza della propaganda antiebraica, di come l'arte e la grafica fossero un mezzo per creare "l'altro" e per influenzare l'immaginario collettivo con stereotipi. Gli ebrei ritratti sono al contempo capitalisti e comunisti, presunti agenti di una forza oscura e segreta in grado di dominare tutti gli aspetti della vita europea e mondiale. Di particolare interesse i manifesti dedicati al controllo esercitato dagli ebrei sulla finanza e sulla stampa americana.

Shoah
I libri per non dimenticare

Migliaia di iniziative sono in preparazione in tutta Italia per il Giorno della Memoria che cade il 27 gennaio e che, istituito dal Parlamento italiano con la legge 211 del 2000, impegna a organizzare "cerimonie, iniziative, incontri e momenti comuni di narrazione dei fatti e di riflessione, in modo particolare nelle scuole di ogni ordine e grado, su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti in modo da conservare nel futuro dell'Italia la memoria di un tragico e oscuro periodo della storia nel nostro Paese e in Europa, e affinché simili eventi non possano mai più accadere". Molti anche i libri che usciranno a cavallo di questa giornata. Segnaliamo la ristampa di "La vita offesa", a cura di Anna Bravo e Daniele Jalla, con la prefazione originale scritta da Primo Levi, che sarà riedito da Franco Angeli; "Roberto Lepetit, un industriale nella Resistenza" a cura di Susanna Sala della casa editrice Archinto, con le lettere dell'industriale lombardo dal campo di Bolzano, prima della deportazione a Ebensee, da dove Lepetit non è tornato; "Quel tempo terribile e magnifico. Lettere clandestine dal carcere di San Vittore e dal Lager di Bolzano e altri scritti" di Ada Buffulini, a cura di Dario Venegoni, a casa editrice Mimesis; "I dieci" di Franco Cuomo, il saggio pubblicato nel 2004 da Baldini Castoldi Dalai che ha contribuito a squarciare il velo di silenzio sugli scienziati italiani che firmarono il Manifesto della razza del 1938, ora riproposto da Memori in versione e-book; "Pensaci, uomo!" a cura di Piero Caleffi e Albe Steiner (Feltrinelli), una documentazione fotografica sui campi di sterminio; "Fin quando la mia stella brillerà", di Liliana Segre (editore Palumbo propone), un libro-testimonianza diretto ai ragazzi.

Shoah
Documentari, film, fiction sulle reti Rai

In occasione della ricorrenza, anche quest'anno le Reti Rai saranno protagoniste di un'ideale staffetta che fino al 27 gennaio attraverserà le reti televisive generaliste e specializzate, la radio ed il web con dirette, servizi giornalistici, testimonianze, documenti, approfondimenti, film e fiction sull'argomento. Tra le grandi proposte: lunedì 26 su Rai1 in prima serata "Max e Hélène", filmdiretto da Giacomo Battiato e liberamente ispirato al romanzo omonimo di Simon Wiesenthal; domenica 25 e lunedì 26 andranno in onda a tarda notte, per il Ciclo Omaggio a Primo Levi, gli sceneggiati "Il versificatore", "La bella addormentata nel frigo" (domenica dalle 03,15), "Procacciatori d'affari" e "Il sesto giorno" (lunedì dalle 02:30), diretti negli anni '70 da Massimo Scaglione; lunedì 26, in seconda serata, Rai2 presenta il programma "Arpad Weisz, dallo scudetto ad Auschwitz", condotto da Ubaldo; La "settimana della memoria" che Rai Cultura presenta su Rai5 si apre venerdì 23 con un doppio appuntamento serale: alle 21,15 il film Doc "La pianista bambina", di Flaminia Lubin con Matilde Ferri. A seguire, alle 22,30, "In scena" presenta "Se questo è un uomo". sabato 24 alle 21,15 (e in replica domenica 25 alle 16.00 e giovedì 29 alle 10), Rai5 trasmette lo spettacolo teatrale "Canto del Popolo Ebraico massacrato". Liberamente tratto dal poema di Yitzhak Katzenelson e andato in scena al Binario 21 della stazione di Milano, sede della Fondazione Memoriale della Shoah, lo spettacolo è proposto nel suo adattamento televisivo da Moni Ovadia. Lunedì 26 gennaio alle 21,15, in diretta dall'Auditorium Parco della Musica di Roma, Rai Cultura trasmette il concerto "Tutto ciò che mi resta", una serata-evento dedicata al miracolo della musica composta nei lager che vedrà la partecipazione straordinaria della grande cantante e attrice tedesca Ute Lemper e la voce narrante di Marco Baliani. Il concerto verrà replicato sempre su Rai5 il 31 gennaio alle 16:00. Martedì 27 gennaio alle 21,15 appuntamento con il film di Michael Haneke "Il nastro bianco" (2009). Infine, sabato 31 alle 18, 45, "Primo Levi: Il Volto e la Voce". Il viaggio e l'arrivo a Auschwitz, I "sommersi" e i "salvati", I tedeschi e la "banalità del male", il dovere della memoria e l'importanza vitale di raccontare nell'opera, il veleno del lager e il futuro dell'umanità nel volto e nella voce di Primo Levi. Per parlare ai più piccoli dell'Olocausto e stimolare una riflessione sul Giorno della Memoria e sul suo significato è stato attivato anche un sito ad hoc: www.giornodellamemoria.ragazzi.rai.it

Vascello
Gran Loggia 2015 a Rimini dal 10 al 12 aprile

Nuovo appuntamento al Palacongressi di Rimini per la Gran Loggia 2015. Dal 10 al 12 aprile le logge del Grande Oriente d'Italia sono chiamate a raccolta per partecipare alla loro massima assise come organo legislativo dell'Istituzione massonica. Per tre giorni, il consueto appuntamento di primavera presenterà il modulo di eventi pubblici a margine dei lavori rituali nel tempio che, quest'anno, vedranno il rinnovo delle cariche di consiglieri dell'Ordine, di giudici della Corte Centrale e di grandi architetti revisori per il quinquennio 2015-2020. Dalle 9,30 di venerdì 10 fino a tarda mattinata di domenica 12 sarà un succedersi di attività rituali e non: momento clou, nel tardo pomeriggio del primo giorno, sarà l'allocuzione pubblica del Gran Maestro che parlerà nel tempio allestito al Palacongressi e che, per l'occasione, avrà ingresso libero anche ai non massoni. Come sempre, fitta di appuntamenti, di eventi culturali e tavole rotonde, l'agenda. Il Servizio Biblioteca ha in programma una serie di incontri dedicati ai libri, eventi e mostre. L'Associazione italiana di filatelia massonica espone una selezione di esemplari della Collezione Boeri e avrà il suo consueto stand dove presenterà le emissioni più recenti dell'Istituzione. E nelle aree pubbliche del Palacongressi si terrà la consueta Expo dedicata alla solidarietà. Dibattito e confronto, partecipazione e impegno. Ancora una volta i lavori della Gran Loggia saranno strumento di riflessione e la costante sarà la virtù del coraggio, tema più volte richiamato dal Gran Maestro Stefano Bisi e che è stato oggetto della sua 'balaustra' di dicembre per il Solstizio d'Inverno.

Dalla parte giusta
E' nata a Cosenza Ipaea, una onlus per la disabilità comunicativa

È nata a Cosenza Ipaea, acronimo di Insieme per Ascoltare ed Ascoltarci, una onlus per la disabilità comunicativa, che si propone di tutelare la comunicazione come diritto imprescindibile della persona e di fornire sostegno psicologico ed emotivo alle famiglie e ai pazienti affetti da disabilità comunicativa, indirizzando la sua attività maggiormente verso i minori fin dalla più tenera età. Ipaea, di cui è presidente Domenico Musacchio della "B. Telesio" (556), con l'organizzazione di incontri, corsi di educazione, campagne informative di prevenzione, con un capillare coinvolgimento di operatori sanitari, utenti e famiglie, contribuirà ad inserire in una reale partecipazione sociale le persone con disabilità comunicativa. In particolare, per le patologie che investono il mondo dell'infanzia, promuovendo e attivando screening neonatali per la diagnosi precoce di sordità fin dai primi giorni di vita, avvalendosi della tecnologia più avanzata (Otomissioni). Dopo la diagnosi i piccoli pazienti e le famiglie saranno seguiti ed indirizzati verso un percorso terapeutico-abilitativo logopedico. Presso l'Unità Operativa di Riabilitazione Foniatrica dell'Asp cosentina, a Serraspiga, verrà attivato anche lo sportello "Ascolto", che, attraverso professionisti qualificati, volontari e soci si propone di diventare punto di riferimento per pazienti affetti da sordità, problematiche di linguaggio, patologie con deficit congnitivo-uditivo. Ipaea è interessata ad associarsi alla Fism, la Federazione Italiana di Solidarietà Massonica, appena costituitasi.

Dalla parte giusta
Concerto a Salerno per i bambini della Casa Famiglia "Strada facendo"

Sono stati devoluti a favore dei piccoli ospiti della Casa Famiglia gestita dalla Cooperativa Sociale "Strada Facendo" di Cava de' Tirreni i fondi raccolti il 29 dicembre grazie al grande successo di pubblico riscosso dal "2° Concerto di Solidarità" organizzato dal Centro Europeo Ricerche "Antonio Genovesi" di Salerno, con la collaborazione della Compagnia Gregorio VII e della Associazione Centro Studi "Giuseppe Moscati", nella Chiesa Barocca di San Giorgio in Salerno. Il programma ha previsto due momenti. Il primo con brani di musica classica eseguiti al Flauto dal maestro Mauro Bibbò e alla chitarra dal maestro Claudio Cecere. Il secondo con cori di canti natalizi nazionali ed internazionali eseguiti dal Coro Diocesano di Salerno diretto dal maestro Remo Grimaldi.

Dalla parte giusta
Tornata speciale a Benevento della "Federico Torre"

Il nuovo modello di solidarietà messo in campo dal Grande Oriente d'Italia con la creazione della Fism e le tante iniziative accanto ai più fragili in cantiere nelle logge del Grande Oriente sono stati i temi al centro della tornata speciale organizzata il 15 gennaio presso la Casa Massonica di Benevento (via Perasso, 14) dalla loggia "Federico Torre" (1287), alla quale ha partecipato il Gran Maestro Aggiunto Sergio Rosso.

Casa Nathan
Tornata congiunta con il Gran Maestro

La via massonica alla conoscenza: è stato questo il filo rosso della tornata congiunta alla quale lo scorso 17 gennaio hanno hanno preso parte quattro logge delle circoscrizioni di Lazio e Toscana. Ai lavori ha partecipato il Gran Maestro Stefano Bisi. Tra i presenti il Gran Segretario Aggiunto Gabriele Brenca, il Grande Ufficiale Francesco Saverio Vetere, il Gran Rappresentante Stefano Maiandi, i Consiglieri dell'Ordine Bruno Frediani e Fabio Reale, il Presidente del Collegio del Lazio f.f. Franco Conforti, il Presidente del Consiglio dei Maestri Venerabili Maurizio Campana. Ha preso parte ai lavori anche il Presidente circoscrizionale di Campania-Lucania Livio De Luca. Ad organizzare l'evento, che si è tenuto a Casa Nathan a Roma sono state la "Francesco Baracca" (973) di Grosseto, l'"Arbia" (138) e "Salomone" (758) di Siena, "Ipazia d'Alessandria" (1434) di Roma.

Velletri
"La trasposizione del sacro", sesta edizione delle Feriae Latinae

E' da 10 anni che la "Costantino Nigra" (706) di Velletri, in collaborazione con il Comitato di Festeggiamenti per le Feriae Latinae, organizza le Feriae Latinae. La VI edizione si è tenuta sabato 17 gennaio e ha coinvolto oltre 70 persone. Il tema scelto: "la Trasposizione del Sacro". Relatori Pietro Mander, archeologo e Giancarlo Rinaldi, entrambi docenti all'Università di Napoli-l'Orientale. Hanno introdotto il maestro venerabile David Haboba e il rappresentante del Comitato, Federico Fuscà, Giudice del Tribunale Circoscrizionale del Lazio, soffermandosi sulla riscoperta del Vetus Latium, corrispondente all'area dei Castelli Romani e sulla storia -dal 2005 ad oggi- della manifestazione. Gli antichi, in occasione delle Feriae deponevano le armi e procedevano in processione lungo la via Sacra, dal lago di Nemi (Tempio di Diana) sino al Tempio di Giove Laziale, posto sul Monte Cavo, dove, per sancire e rinverdire l'antico patto, accendevano un falò e mangiavano viscere di toro bianco. Alla stessa stregua, i Fratelli della "Nigra" di Velletri, hanno voluto in questi anni attrarre i Fratelli romani per dibattere temi legati alla sacralità di miti e riti. Le precedenti edizioni hanno riguardato il Mitreo di Marino (2005), approfondimenti sulla via Sacra ed Il Monte Cavo, la rimozione dell'Altare dedicato alla Dea Vittoria (riflessione sulla Tolleranza), la Sacralità del Lazio Antico. La parola poi è passata ai relatori. Mander, assiriologo, ha tracciato un breve quadro generale delle forme della religiosità mesopotanica nel III e II millennio a.C., evidenziando trasposizioni di miti del Vicino oriente Antico nella letteratura veterotestamentaria. Rinaldi, storico del cristianesimo antico, si è soffermato su alcuni miti della classicità greca, che si traspongono in esperienze filosofiche e religiose successive, come il mito di Ulisse che ritorna a Itaca, inteso come allegoria del ritorno dell'anima alla divinità. Dalla serata è emersa una riconferma del valore del mito e del simbolo antico quale veicolo di significazioni e di verità, che non sono circoscritte nel tempo, ma vivono la loro eterna giovinezza.

Ferrara
70 anni della loggia "Savonarola", incontro il 24 gennaio

"La Massoneria del Grande Oriente d'Italia e l'Ordine della Stella d'Oriente: storia, finalità e prospettive": è il tema dell'incontro pubblico che si terrà sabato 24 gennaio alle 16 nella Sala della Musica del Complesso di San Paolo a Ferrara nell'ambito delle celebrazioni del 70° Anniversario di Fondazione 1945-2015 della loggia "G. Savonarola" (104). Introdurrà l'avvocato Giangiacomo Pezzano, presidente del Collegio Circoscrizionale dell'Emilia Romagna. Interverranno Elda Levi, Worthy Grand Matron - Gran Capitolo d'Italia, Ordine della Stella d'Oriente; il filosofo Claudio Bonvecchio, docente all'Università dell'Insubria e Grande Oratore del Grande Oriente d'Italia. Modererà il dibattito Stefano Mandrioli, Gran Rappresentante del Grande Oriente.

Il Programma

Roma
"Parliamo di Massoneria", appuntamento sabato con il Gran Maestro Onorario Sessa

Conferenza il 24 gennaio presso Hotel Club House Roma a Roma del Gran Maestro Onorario Luigi Sessa, fra i massimi esperti di Libera Muratoria a livello internazionale e autore di numerosi libri. "Parliamo di Massoneria" è il tema al centro dell'incontro, che è fissato per le ore 16 e al quale seguirà un dibattito con il pubblico. L'obiettivo è far conoscere meglio un'Istituzione, che ha visto tra i suoi affiliati uomini come Mozart, George Washington, Oscar Wilde, Giuseppe Garibaldi e molti altri illustri personaggi, incluso Gustave Loehr, che insieme a Paul Harris fu, nella Chicago del 1905, uno dei quattro fondatori del primo Rotary Club al mondo. L'incontro, che rappresenta una rara occasione di dialogo, sarà riservato a pochi uditori che dovranno prenotare. Il contributo per la partecipazione andrà a sostegno dei progetti annuali di Club: Famiglie Sma ed Equoevento.

RSAA
Italia-Europa, tra fiscal compact e spending review, convegno il 24 gennaio a Roma

Italia-Europa tra fiscal compact e spending review: è il titolo del convegno organizzato dal Supremo Consiglio del 33° e ultimo grado del Rito Scozzese Antico e Accettato per la giurisdizione massonica italiana. L'evento si terrà il 24 gennaio alle ore 15.30 a Roma all'Hotel The Westin Excelsior (Via Vittorio Veneto, 125). Introdurrà il prof. Corrado Balacco Gabrieli. Interverranno il Sovrano Gran Commendatore dello RSAA Luigi Milazzi e il Gran Maestro del Grande Oriente d'Italia Stefano Bisi. Il prof. Giulio Sapelli (Università degli studi di Milano) terrà una relazione su "L'Europa nella decadenza dell'ordine mondiale". "Verso quale Europa?" è l'interrogativo al centro dell'intervento dell'on. Antonio Martino. "La nuova idea di Stato tra liberismo e neoprogrammazione" è il tema che verrà affrontato dall'on. Giuseppe Caldarola, mentre del "Costo della non-Europa" parlerà il sen. Mario Mauro. Il prof. Nicola Rossi (Università di Tor Vergata) terrà una relazione dal titolo "Entrare nell'Euro. Sul serio". Seguirà il dibattito. Concluderà il prof. Balacco Gabrieli.

Sicilia
Palermo, Agrigento, Licata e Catania. Il Gran Maestro in visita alle logge della Circoscrizione

Dal 30 gennaio al primo febbraio il Gran Maestro Stefano Bisi sarà ospite del Presidente circoscrizionale della Sicilia in occasione di una serie di incontri e visite alle logge della regione, tra le più numerose della Comunione italiana e con un'antica tradizione. Il programma di massima prevede la presenza del Gran Maestro a Palermo il 30 gennaio alle 19,30 nella Casa massonica in piazzetta Pietro Speciale, 9 per un incontro informale. La mattina successiva alle 10,30 Bisi sarà presente ad Agrigento all'insediamento del maestro venerabile della "Garibaldi" (592) e delle cariche di loggia. Nel pomeriggio alle 17,30 è atteso all'officina di Licata "Arnaldo da Brescia" per l'insediamento del maestro venerabile e delle cariche di loggia.Il primo febbraio sarà a Catania per la cerimonia di innalzamento prevista per le ore 15 della loggia "Iside".

Al Teatro Vascello
"Metamorfosi solari nel '500". Il 26 gennaio conferenza di Mino Gabriele, interverrà il Gran Maestro

Lunedì 26 gennaio alle 19 il Gran Maestro Stefano Bisi interverrà alla conferenza di Mino Gabriele "Metamorfosi solari nel '500: il rilievo di Mitra-Phanes del Museo di Modena e le sue interpretazioni nella cultura del Rinascimento". L'incontro, organizzato da Servizio Biblioteca del Grande Oriente d'Italia, si svolgerà presso il Teatro Vascello (Via Giacinto Carini, 78 - Roma). Un viaggio affascinante attraverso il simbolismo pagano, il suo enigmatico fascino e la celata, sapiente dottrina, rivisitata dagli occhi e dalle menti di artisti e dotti di Firenze, Roma e Venezia. Dal celebre rilievo marmoreo di Modena, interpretato come Aion/Phanes o Mitra/Phanes (personificazione primigenia della cosmologia orfica), derivano alcune importanti opere d'arte, pittoriche, plastiche e grafiche del Cinquecento, che ne rileggono il simbolismo arcano e cosmico. Seguire l'affascinante percorso di questa erudita rinascita fornisce non pochi punti di riflessione e di domande sui criteri interpretativi suscitati presso gli umanisti da una divinità allora tanto oscura e complessa. Problematiche ancora attuali sul fronte della comprensione del mito antico e dei suoi riflessi allegorici.Infatti, sovente, non sono soltanto certi reperti in quanto tali ad essere fonte di trasmissione di antichi saperi, ma anche la tradizione interpretativa che essi innescano. Questa, tramandandosi fra varianti e riletture, sviluppa la conoscenza critica e l'immaginario, in un processo coerente eppure contraddittorio insieme, tuttavia sempre fecondo e vitale per il perpetuarsi della memoria che trama le origini e la storia della cultura europea. Mino Gabriele è professore ordinario presso l'Università di Udine, dove insegna 'Iconografia e Iconologia'.

L'Invito

Roma, 27 gennaio 2015 (Confidenze tra Amiche)
L'uomo di Flossenburg, il medico dei poveri

Ferrara, 23 gennaio 2015 (Telestense.it)
"Grande Oriente e stelle d'Oriente": il convegno della massoneria

Roma, 23 gennaio 2015 (AgenParl)
Roma: Sabato 24 gennaio convegno su Italia-Europa tra fiscal compact e spending review

Roma, 22 gennaio 2015 (L'Espresso)
'K.Z', in un libro i disegni dei prigionieri dei lager nazifascisti

Copyright © 2015 Grande Oriente d'Italia, Tutti i diritti riservati.


rimuovermi da questa lista