Copy
La Formica Argentina del 21 marzo
Apri questa newsletter nel tuo browser


Atteso da un po', finalmente il verdetto della Corte Costituzionale è arrivato. Sono state annullate le nomine di più della metà dei dirigenti dell' Agenzia di Riscossione. In molti si chiedono quale sarà la sorte delle cartelle esattoriali firmate da questi. Il costituzionalista Enzo Cheli ha spiegato che andranno pagate comunque. Tuttavia, in un approfondimento pubblicato su La Legge per Tutti, Angelo Greco ha sottolineato che l'inesistenza di un atto giuridico è impugnabile in ogni stato e grado di giudizio. Cartella da contestare? Ecco come fare

Condividi #CartelleEsattoriali
Scarica il modulo per impugnare la cartella
Devi dei soldi a qualcuno? Attenzione al "Grande Fratello"...



Se stai pensando di chiedere un prestito, c'è qualcosa che devi sapere. La banca potrebbe fare dei controlli, prima di decidere se concedertelo o no. Il Codice Deontologico Sulle Informazioni Commerciali introduce infatti i registri dei debitori. Si tratta di elenchi pubblici contenenti informazioni relative alla condizione finanziaria dei consumatori. Per quanto tempo si potranno conservare i dati?

Condividi #debiti



La colpa è delle compagnie assicurative che differenziano le tariffe in base alla città di residenza. Si tratta di una palese discriminazione. Stipulare l'assicurazione è un dovere, per il consumatore, ma pagare il giusto è un diritto!
Fai una simulazione gratuita
Fatta la legge, trovato l'inganno, recita un detto popolare. Così, spesso i consumatori subiscono pratiche illecite da parte degli istituti di credito. Una delle più diffuse è la capitalizzazione degli interessi (anatocismo). Fortunatamente però, i tribunali cominciano a punire le banche colpevoli. E libri come  «Istituti discredito» contribuiscono a sensibilizzare la collettività su questi temi. «Raccontare la propria storia può essere utile agli altri»


Condividi #anatocismo
Ricevi gratuitamente il libro
 



Sei invalido? Per l'Agenzia della Riscossione non è un "problema". Quando c'è una casa da pignorare, non c'è discriminazione che tenga. Lo hanno provato sulla propria pelle Giuseppe, Alessandra e il loro bambino. Come se non bastassero i problemi di salute e le cure che non possono permettersi, rischiano di finire in mezzo a una strada. Per riprendersi la casa dovrebbero pagare circa 100.000 euro, che ovviamente non hanno...
 
Share
Tweet
+1
Share
Copyright © 2015 Iperdigital Srls, All rights reserved.


unsubscribe from this list    update subscription preferences