Copy


Il  Notiziario

dell' 
Accademia  delle  Antiche
 
 Civiltà

 

gennaio-febbraio 2015
 
Come  gli scorsi anni l'Accademia delle Antiche Civiltà propone per i prossimi mesi diversi seminari con lo scopo sia di approfondire le materie dei corsi attivati nell'anno accademico 2014-15 sia con quello di presentare nuove tematiche per i corsi del prossimo anno.

Sono aperte le iscrizioni ai sotto elencati seminari.
Per i costi di iscrizione visitare il sito dell'Accademia:


www.antichecivilta.it alla pagina "i corsi e i seminari dell'Accademia a.a. 2014-15".
Pasargadae, Iran
Ciro II di Persia, Luogo di sepoltura
Seminario sull’antica civiltà persiana

 “Tre lingue per un re: le iscrizioni reali achemenidi e la scrittura antico-persiana”
 
Relatore: Dr. Gian Pietro Basello
  Docente di  Elamico presso l’Università “L’Orientale” di Napoli
 

venerdì  27 marzo  2015 – 14.30-17.30

I sovrani achemenidi vollero esprimere l’estensione e la varietà etnico-culturale delle loro conquiste facendo incidere sulla pietra iscrizioni in tre lingue, antico persiano, elamico e babilonese, destinate a preservare il loro ricordo e a sollecitare la curiosità dei posteri. Lo studio di queste iscrizioni, a partire dall’Ottocento, rappresentò la “stele di Rosetta” per la decifrazione delle scritture cuneiformi.
L’antico persiano, la lingua del Gran Re, occupò sempre un posto privilegiato. La decifrazione della scrittura e la comprensione della lingua fu favorita dall’appartenenza alla famiglia linguistica indoeuropea. La diffusione del potere achemenide e della lingua persiana ha fatto sì che anche oggi in Iran sia parlata una lingua, il neo-persiano, con elementi lessicali comuni all’italiano o all’inglese, seppur scritta utilizzando i caratteri arabi.
Nel seminario saranno presentate alcune iscrizioni reali achemenidi, un esemplare per ogni tipologia di supporto (pietra, metallo, argilla e mattoni smaltati, usando anche materiale inedito), e saranno spiegati i principi della scrittura antico-persiana con un saggio di analisi grammaticale e traduzione.

http://www.antichecivilta.it/seminario%20civilt%C3%A0%20persiana%20antica.pdf
Seminario di Cultura del vicino oriente ellenizzato

Alessandro Magno nella cultura ebraica, tardo-babilonese e islamica


Relatore: dr.  Stefano Fumagalli
Laureato in filosofia antica – Università Statale di Milano 

Lunedì, 20 Aprile 2015 – 14.30-17.30
 
Alessandro il Macedone si trasfigurò, nelle tradizioni seriori, in araldo della fine dei tempi, in re imbattibile, nel nemico delle forze maligne di Gog e di Magog.
Fu Iskandar il Bicorne nel Corano, salvatore degli Ebrei da una sortita degli scismatici samaritani (Talmud Yoma 69a) e protagonista di gesta e di meditazioni per secoli nella tradizione erudita islamica ed ebraica. Il seminario porterà gli uditori dall'inizio della leggenda, confezionato in ambiente greco, fino ai testi religiosi o storici che, in varie lingue semitiche, videro nel Macedone un inviato divino o un cavaliere a caccia del prodigioso o in un sovrano dalle ambizioni più che umane.

http://www.antichecivilta.it/seminario%20su%20Alessandro%20Magno.pdf

sotto: l'impero macedone
Seminario sulla civiltà ittita
 
Tra le lingue e le culture anatoliche del II millennio a.C., si affermano prepotentemente quelle ittite: una popolazione di caratteristiche indoeuropee che per prima fissò la sua lingua su tavolette d'argilla in caratteri cuneiformi. L'Accademia delle Antiche Civiltà propone per il prossimo mese di aprile un interessante seminario, articolato in due incontri ravvicinati, volto alla conoscenza della sua storia e della conservazione e trasmissione della sua cultura.
 
1° incontro:

Imperi dimenticati: il regno ittita


 
Relatrice: D.ssa Marie-Claude Trèmouille 
del Consiglio Nazionale delle Ricerche - Roma

27 aprile 2015 ore 14.30-17.30

I manuali scolastici dedicano poche pagine alla Storia degli Ittiti. Eppure essi costituirono uno dei più grandi Imperi del Vicino Oriente Antico, insieme all’Egitto faraonico e alla Mesopotamia assiro-babilonese.
In poco più di 4 secoli i loro sovrani edificarono, partendo dalla capitale Khattusha nell’Anatolia centro-orientale, uno stato articolato – quasi fossero “Stati Uniti” - che si estendeva su un territorio vastissimo, corrispondente a gran parte della Turchia e della Siria attuali.
Il seminario intende illustrare le tappe, gli attori e i momenti salienti di questa espansione, dai primordi fino alla tempesta umana che sconvolse tutto il Mediterraneo orientale e segnò la fine dell’Età del Bronzo.


http://www.antichecivilta.it/seminario%20storia%20Ittiti.pdf

2° incontro:

Archivi o biblioteche  a Hattusha (1650-1180 a.C.)?  
Riflessioni sui depositi di tavolette ittiti e del Vicino Oriente Antico


Relatrice: D.ssa Rita Francia 
Università "la Sapienza"-Roma


28 aprile 2015 ore 14.30-16.30
 
Come classificare i depositi di tavolette di Böghazköy/Hattuša, la capitale dell’impero ittita (1650-1180 a.C.)? Sono da definirsi ‘archivi’ o ‘biblioteche’? La questione periodicamente viene sollevata dagli studiosi del settore: non si tratta infatti solo di un problema terminologico, ma riguarda anche il modo in cui gli Ittiti conservavano e classificavano i loro documenti. L’archivio infatti è una raccolta che “nasce involontariamente, giorno per giorno, quale sedimentazione documentaria dello svolgimento dell’attività pratica, giuridica, amministrativa di uno Stato,[…]”(E. Lodolini 1988), diversa, fin dalla sua genesi, dalla biblioteca. Il problema, però, non riguarda solo i depositi di documenti di Hattuša, ma in generale tutti quelli del Vicino Oriente Antico. Noi moderni, tuttavia, dobbiamo porci un altro quesito: siamo sicuri che gli antichi distinguessero tra ‘archivio’ e ‘biblioteca’? 
A fronte di queste problematiche è opportuno riflettere sulla terminologia attualmente adottata, la distinzione cioè tra ‘raccolta archivistica’ e ‘raccolta bibliotecaria’, evidenziarne le profonde differenze e cercare di comprendere se per gli antichi tali distinzioni erano ugualmente valide.
Il seminario sarà pertanto ripartito in due sessioni: la definizione attuale di Archivio e la distinzione, attuale, tra Archivio e Biblioteca; la situazione delle raccolte documentarie di Hattuša e del Vicino Oriente Antico.

 
http://www.antichecivilta.it/seminario%20%20archivi%20e%20biblioteche.pdf

sotto: la cittadella di Hattusa
Seminario sulla civiltà Maya

Le pietre che parlano: il codice infranto

Relatore: dott. Andrea Ghezzi
 laureato in antropologia - Università di Bologna

aprile/maggio 2015  
ore 14.30 - 17.30

 
Un affresco della civiltà maya dal periodo pre-classico a quello post-classico attraverso un excursus epigrafico volto ad approfondire la conoscenza dei vari aspetti di questa importante cultura mesoamericana. Saranno anche accennate le prime regole di grammatica che chiariranno l'appartenenza della lingua dei glifi al ch'olan orientale, ossia alla lingua parlata in età precolombiana nei Bassopiani del Guatemala orientale e dell’Honduras occidentale . 
L’affinità più stretta di tale lingua è con l’attuale ch’orti’, che è parlato oggigiorno nelle stesse zone del ch'olan orientale classico (vicino alle rovine di Copan).

http://www.antichecivilta.it/seminario%20civilt%C3%A0%20maya.pdf
 
AI SOCI, AGLI AMICI E AI SIMPATIZZANTI
 
Rinnovate la quota sociale annuale SE SIETE SOCI oppure aderite all'associazione se non lo siete: il vostro contributo è fondamentale per continuare questa avventura culturale che non ha riscontri nel tessuto culturale milanese e lombardo.  Ma soprattutto per consolidare questa scuola universitaria di alta specializzazione iscrivetevi numerosi ai seminari proposti in questo numero del notiziario, unico modo per rendere sostenibile la loro attivazione!!!.

 
CHI E' IN GRADO DI FARLO E VUOLE SUPPORTARE, OLTRE  ALLA QUOTA SOCIALE, LE ATTIVITA' CULTURALI DELL'ACCADEMIA DELLE ANTICHE CIVILTA', ASSOCIAZIONE SENZA FINI DI LUCRO, PUO' FARE UNA DONAZIONE DIVENTANDO SOCIO SOSTENITORE.
Copyright © 2015 Accademia delle Antiche Civiltà, All rights reserved.


unsubscribe from this list    update subscription preferences 

Email Marketing Powered by Mailchimp