13 febbraio 2017

Domani è San Valentino, una festa che non è nelle nostre tradizioni culturali e ce ne siamo fatti colonizzare. O quello era Halloween? O le mezze stagioni? Vatti a ricordare. Vi ricordate "Innamoratissimo" dei Righeira?

Come fai ad esser triste in un giorno così 
tu che fai battere forte il mio cuore


Non è stato un weekend di grosse notizie. Per dire, Repubblica stamattina aveva come titolo principale in prima pagina la riproduzione della prefazione a un libro scritta da Papa Francesco. Oggi c'è stata la Direzione Nazionale del PD: mentre vi scriviamo non si capisce bene cosa ne esca, che è un po' il modo in cui finiscono quasi sempre le direzioni del PD. Gianni Cuperlo comunque dice che sconsiglierebbe a sua figlia di frequentare alcune "realtà" del PD. Berlusconi invece aveva dato dello "sbruffoncello" a Salvini

È morto Al Jarreau, cantante e musicista sempre un po' in mezzo.
Gli americani hanno fatto il loro festival di Sanremo, ma siccome sono americani invece che Gabbani ha vinto Adele, e si è scusata. Qui ci sono le foto, compresa Beyoncé che si era messa una cosetta.
Ha giocato la Serie A: hanno vinto tutti quelli davanti.
C'è una diga che rischia di crollare in California.

A nome di chi Laura Boldrini si rivolge al capo di una grande azienda americana?, si chiede Massimo Mantellini. Le foto che hanno vinto quest'anno il più importante premio di fotogiornalismo del mondo. Leonardo Tondelli continua a raccontare i dischi di Dylan, uno per uno. C'è stata tutta una discussione sugli autografi di Fedez. Il Corriere fa i conti e dice che il Jobs Act è stata una cosa buona. Riccardo Cucchi ha fatto la sua ultima radiocronaca. Le canzoni di Prince sono ora online e in streaming.

Cinquant'anni fa oggi uscì "Strawberry fields forever", pensa tu. Sul lato B c'era "Penny Lane", per giunta.
Ciao, a domani. Nothing is real.


Cose da leggere
Lui fa il suo onesto lavoro, secondo noi: se vogliamo dirgli di spostarsi, cerchiamo prima di avere trovato di molto meglio.
Vinse un Nobel per la Pace precocemente: dopo è stato accusato di non averlo meritato per aver bombardato troppo, o di non averlo meritato per aver bombardato troppo poco. Come capo militare, che presidente è stato, insomma, Barack Obama?
In due parole, no, non sta succedendo nessun nuovo Settantasette a Bologna, malgrado i titoli dei quotidiani. Se poi la volete sapere meglio, ecco la storia dei tornelli.
E se siete in modalità "vabbè, spiegatemi le cose che non ho capito", ecco invece quella delle faide Radicali.
Gabriele Gargantini del Post è andato a parlare con Valerio Mastandrea, di passaggio a Milano, e intanto si è guardato intorno.
La parola è un po' malaticcia, ma dobbiamo conviverci: e qualcuno ha cominciato a misurare quanto valgono gli influencer, per chi poi li deve pagare. Noi ci limitiamo ad avvisarvi su chi sono e perché sono ricercati.
La nebbia agli irti colli condividendo sale
Twittera
Inoltra
Continua sul Post
Copyright © 2017 Il Post, All rights reserved.

Puoi controllare i tuoi dati o non ricevere più questa newsletter
E puoi inoltrare questa newsletter a chi vuoi, oppure registrarti qui se te l'ha inoltrata qualcuno che ti vuole bene. Grazie.